Seleziona Valuta: Il mio Account (0) Articolo/i
DIVENTA UN LORD O UNA LADY ADESSO
Background Image

La Guida al Mostro di Loch Ness

Abbiamo tutti sentito parlare della leggenda del mostro di Loch Ness, una bestia serpentina in agguato nelle profondità di Loch Ness. Ci sono stati oltre 1000 testimonianze oculari, spesso inspiegabili, e avvistamenti che hanno attirato cacciatori di mostri e lasciato perplessi gli scienziati. Questa fama ha trasformato il mostro di Loch Ness nella creatura più amata ed elusiva della Scozia. Ma esiste davvero?

Il mostro di Loch Ness

Il mostro di Loch Ness è una creatura marina e uno dei miti più duraturi del folklore scozzese. Di solito è descritto come grande, con un collo lungo e con una o più gobbe che sporgono dall’acqua. Quando gli avvistamenti del mostro hanno iniziato ad attirare l’attenzione del pubblico, è stato descritto come un “pesce mostro”, “serpente marino” o “drago”. Dagli anni ’40 il mostro di Loch Ness è stato affettuosamente chiamato Nessie.

Dove vive il mostro di Loch Ness?

Si ritiene che il mostro di Loch Ness viva proprio nel lago che è il secondo lago più grande e profondo della Scozia. Loch Ness è una splendida località situata nelle Highlands scozzesi e una tappa obbligata per qualsiasi Lord, Laird o Lady, soprattutto quelli che se sono desiderosi di vedere Nessie spuntare dalle acque del lago.

Quanti anni ha il Mostro di Loch Ness?

I resoconti di un mostro che vive a Loch Ness risalgono a tempi antichi. Le sculture in pietra realizzate dai Pitti, un gruppo celtico che viveva in queste zone, raffigurano spesso bestie dall’aspetto curioso, come una creatura con pinne o simboli di serpenti.
Il primo resoconto scritto che potrebbe descrivere Nessie appare in una biografia di San Colombano(1), un Monaco Abate irlandese e missionario, nel 565 D.C. secondo le cronache dell’epoca, una bestia vicino a Loch Ness ferì a morte un uomo dei Pitti che nuotava e quando si preparò ad attaccare un altro uomo, Colombano intervenne e il mostro fuggì.

(1) in Gaelico: Colum Bán, «colomba bianca» San Colombano è sepolto a Bobbio (PC) in Italia, presso l’Abazia di San Colombano. Fondatore di un suo Ordine che in seguito fu assimilato dai Monaci Benedettini

La Storia del Mostro di Loch Ness

Il primo avvistamento dichiarato del mostro di Loch Ness in tempi moderni risale all’inizio degli anni ’70 dell’Ottocento, quando D. Mackenzie affermò di aver visto qualcosa “dimenarsi e agitare l’acqua”. Ma un articolo sull’Inverness Courier pubblicato il 2 maggio 1933 è probabilmente la prima menzione più nota poiché ha attirato l’attenzione in modo virale. L’articolo parlava dell’avvistamento di un’enorme creatura con il corpo di una balena che rotolava nell’acqua del lago, avvistata da Aldie Mackay mentre lei e suo marito stavano guidando sulla A82. Secondo quanto riferito, la parola “mostro” è stata applicata per la prima volta in questo articolo, che presto è diventato un fenomeno mediatico. Dopo la pubblicazione dell’articolo, i giornali londinesi hanno ripreso la notizia e inviato i loro corrispondenti in Scozia e un giornale ha persino offerto una ricompensa di £ 20.000 per chiunque fosse stato in grado di catturare la bestia.
Il 21 aprile 1934, il London Daily Mail pubblicò una foto che cambiò per sempre il modo in cui Nessie viene vista. Presumibilmente fu scattata dal rispettato ginecologo londinese Robert Wilson, ed è ancora oggi chiamata “la fotografia del chirurgo”. Mostra una creatura semisommersa con una schiena lunga e snella, collo allungato e faccia appuntita. La pubblicazione della fotografia ha scatenato la fantasia a livello mondiale, più di qualsiasi altra storia della criptozoologia, i turisti cominciarono ad arrivare a migliaia nelle Highlands scozzesi sperando di vedere personalmente la creatura che nuotava a Loch Ness.

Per 60 anni la foto è stata considerata una prova dell’esistenza di Nessie, tuttavia, nel 1994 è stato finalmente stabilito che la foto era una bufala. La creatura nella foto era presumibilmente un sottomarino giocattolo con testa e collo fatti di mastice e di legno. Dopo essere stato pubblicamente ridicolizzato dal Daily Mail per aver trovato false impronte di Nessie, il cacciatore M.A. Wetherell ha deciso di vendicarsi con questo scherzo pratico, dando l’ormai famosa foto di Nessie a Wilson per venderla al Daily Mail.

La Fotografia del Chirurgo
La Fotografia del Chirurgo
Background Image

Avvistamenti del Mostro di Loch Ness

Dopo la “Fotografia del Chirurgo”, sono stati segnalati numerosi altri avvistamenti della leggendaria Nessie nascosta sotto la superficie di Loch Ness.

Nella primavera del 1938, il turista sudafricano G.E. Taylor ha filmato qualcosa nel lago per tre minuti interi. Il film è stato poi ceduto al famoso scrittore, scienziato e Zoologo Maurice Burton e un singolo fotogramma del film è stato successivamente pubblicato nel suo libro del 1961. Dopo numerosi studi del fotogramma si è arrivati alla conclusione che si trattava solo di un oggetto che galleggiava sotto la superficie delle acque di Loch Ness.

A seguire, nel luglio 1955, Peter MacNab scattò una fotografia che sembrava raffigurare due lunghe gobbe nere che spuntavano dalle acque. Ma alcuni ricercatori posero il dubbio che le apparenti gobbe potessero essere un effetto ottico delle onde creato da tre pescherecci che viaggiavano a stretto contatto.

Nel 1960 Tim Dinsdale, un ingegnere aeronautico, filmò una gobba che lasciava una scia dietro di sé. Alcuni fotogrammi analizzati con aumento del contrasto delle immagini portaro a credere che la “gobba” altro non fosse che una barca. Ma nel 1993, è stato prodotto un documentario da Discovery Communications, chiamato “Loch Ness Discovered”, il tecnico del montaggio utilizzando un miglioramento digitale dei fotogrammi del filmato di Dinsdale, e sovrapponendo i fotogrammi stessi, si individuava un’ombra che non era visibile nel filmato originale. Fu stabilito che il video era il corpo posteriore di una creatura.

A metà degli anni Sessanta è stata condotta un’indagine di osservazionale durata 10 anni da parte del “Loch Ness Investigation Bureau”. Nel corso di questa indagine sono stati registrati una media di 20 avvistamenti all’anno. Poi negli anni ’70 vennero pubbliche alcune fotografie subacquee di quella che sembrava essere una pinna.

Sono state utilizzate anche esplorazioni con Sonar nell’intento di individuare Nessie. I più importanti si sono svolti nel 1987 e nel 2003 ma senza alcun risultato.

Molte altre foto sono state scattate nel corso degli anni, ma sono state tutte screditate. Nel 2007 Gordon Holmes, un tecnico di laboratorio, ha filmato quello che ha affermato essere il mostro di Loch Ness, anche se un biologo marino ha affermato che era più probabile che fosse una lontra, una foca o un uccello acquatico.

Poi, nel 2011, il capitano di una barca che navigava nelle acque di Loch Ness ha fotografato l’immagine del sonar che individuava un oggetto largo 4,9 piedi che sembrava seguire la barca per diversi minuti. Tuttavia, solo un anno dopo si scoprì che si trattava di una fioritura di alghe.

Quanto è grande il mostro di Loch Ness

Nonostante l’esistenza di abbondanti resoconti e avvistamenti di testimoni oculari, non è mai stata registrata un’opinione comune delle dimensioni esatte di Nessie se non che tutti hanno definito la creatura “grande”. Precedentemente è stata identificata come uno squalo della Groenlandia, che può raggiungere fino a 20 piedi di lunghezza, o un’anguilla insolitamente grande e anche, semplicemente, una Lontra residente. È stato anche suggerito che Nessie potrebbe essere un elefante che nuota di proprietà di un circo itinerante, con la parte superiore della testa dell’elefante e la proboscide estesa che rispecchia un aspetto simile a Nessie. Alcuni hanno anche teorizzato che Nessie sia un plesiosauro, un rettile acquatico estinto che potrebbe raggiungere fino a 49 piedi di lunghezza. Sembra che nessuna singola spiegazione possa spiegare questo famigerato mostro scozzese.

Il mostro di Loch Ness è reale?

Il feroce dibattito in corso sull’esistenza di Nessie e su cosa sia veramente sembra essersi finalmente fermato a maggio 2019 quando alcuni ricercatori neozelandesi hanno intrapreso un enorme progetto per documentare ogni organismo che nuota a Loch Ness sulla base del campionamento del DNA ambientale. I rapporti hanno confermato che Nessie potrebbe in effetti essere una gigantesca anguilla europea. Non è stato possibile trovare campioni di DNA di squali della Groenlandia o di plesiosauri. Gli scienziati sembrano credere che queste anguille giganti rappresentino la maggior parte degli avvistamenti di Nessie nel corso degli anni.

Tours

Ci sono numerose compagnie che offrono gite in barca attraverso le 23 miglia di Loch Ness, spesso con una guida turistica per darti tutte le informazioni sul famoso lago. Ci sono anche visite guidate in pullman per visitare i paesaggi e I borghi circostanti. Potresti trascorrere una giornata a caccia di Nessie, fare una crociera sul misterioso lago, esplorare il villaggio di Fort Augustus, visitare il castello in rovina di Urquhart sul lato del lago, ammirare le Cascate di Foyers e passeggiare lungo la spiaggia di Dores, tutto in un unico fantastico viaggio!
Se questo suona come il tipo di giornata che potresti desiderare, usa i link sottostanti per controllare alcuni dei tour disponibili.

Il Loch Ness Centre & Exhibition

Il Loch Ness Centre & Exhibition è stato fondato nel 1980 ed è una tappa preferita dai visitatori di tutto il mondo. Vanta il più alto riconoscimento possibile a 5 stelle dallo Scottish Tourist Board come attrazione per i visitatori. Il naturalista Adrian Shine, leader del team di ricerca The Loch Ness Project (da oltre 40 anni), ha scritto e narrato la mostra. Qui hanno sviluppato 7 aree tematiche che raccontano la storia di Loch Ness e del suo mistero, dai suoi inizi ad oggi.

Background Image

Fatti ed Eventi Sul Mostro di Loch Ness

  1. Un triathlon nel 2005 che includeva una nuotata a Loch Ness ha assicurato tutti gli atleti partecipanti per 1 milione di sterline contro i morsi di Nessie.
  2. La più grande ricerca di Loch Ness è stata “Operazione Deepscan” nel 1987 utilizzando apparecchiature sonar all’avanguardia e una flotta di 24 barche. La ricerca di Nessie si è conclusa con un nulla di fatto.
  3. Il mostro di Loch Ness appare nel film “La vita privata di Sherlock Holmes“ del 1970. Il modello di Nessie lungo 9 metri utilizzato nel film è stato trovato sul letto del lago nel 2016 durante una ricerca sonar da parte di Kongsberg Maritime. Si pensa che il modello sia affondato dopo la rimozione delle sue gobbe usate come galleggianti.
  4. Negli anni ’30, William Fraser, il capo della polizia del Inverness-shire, scrisse una lettera a un funzionario del governo affermando che un uomo di Londra “stava facendo costruire una speciale pistola arpionatrice e che sarebbe tornato [a Loch Ness] [ …] allo scopo di dare la caccia al mostro”. Fraser ha suggerito che potrebbe essere istituita una protezione ufficiale di Nessie da parte del governo, dimostrando una forma di orgoglio civico.
  5. Puoi andare alla vista Satellite di Google Maps per cercare Nessie sotto la superficie di Loch Ness!

Leggi di più su Loch Ness nella nostra guida Highlands Titles

Scopri la storia di Loch Ness, i posti migliori in cui soggiornare, le cose da fare e molto altro!

Visualizza la guida di Loch Ness